Le clementine (vegan e gluten free)

Tutti conoscono gli Arancini, quei buonissimi e croccantissimi supplí di riso che vengono dalla Sicilia. Classici, ripieni al ragú o al burro, nuovi ed estroversi ripieni con avocado e gamberetti, spinaci, tartufo … gli arancini si trovano un po’ ovunque ormai, sia in Italia che all’estero. Più o meno originali, ma arancini… per via della forma e del colore che ricordano molto le arance.
Bene. Traendo ispirazione dai miei amati arancini, ho creato … le Clementine 😀
Ebbene si, sferici supplí di miglio, ripieni di zucca e porro al coriandolo e d’insuperabile croccantezza grazie alla.. polenta, si insomma, farina di mais per polenta.
A parte la testimone super partes d’eccezione (la mia Amica Blue!) che può garantirvene la bontá, vi confesso che personalmente li preferisco -quasi- agli arancini.
La mia ricetta é vegana, per cui non troverete formaggi tra gli ingredienti, ma voi potrete preparare le vostre clementine con il ripieno che più gradite, naturalmente.
Il miglio cotto “tiene” magistralmente la forma senza sgretolarsi, senza appiccicare, creando una culla stabile e perfetta per qualsiasi tipo di ripieno. Nessun “sará troppa mozzarella?” “avró esagerato col ragù?””scapperá tutto fuori in cottura?”
Non fuggirá nulla: besciamelle, ragú, scamorza, mozzarella… quello che vi pare e quanto vi pare. Basta davvero uno strato sottile di miglio, per racchiudere un cuore prospero e succulento. E la farina di mais crea un guscio che il pangrattato con tutta la pastellina del mondo non creerá mai. Asciutti, saldi in cottura, croccantissimi al morso e morbidissimi al palato.
Se non ci credete, provateli! 😉

DSC08347

P.S. Ed il nome é divertente e simpatico, ecco! 😀

Per una decina di clementine:
1 bicchiere di miglio
2 e 1/2 bicchieri d’acqua salata
1/2 zucca piccolina
1/2 porro
1 spicchio d’aglio
sale
pepe q.b.
1 bicchiere di farina di mais per polenta
1 cucchiaio di farina fine senza glutine (riso, lenticchie o mais!)
1 bicchiere d’acqua
100 gr di scamorza affumicata (per la versione non vegana!)
olio di semi di girasole per friggere

DSC08341.JPG

Preparazione in circa 1 oretta

1. Versate il miglio in un pentolino, aggiungete l’acqua salata fredda e mettete su fuoco dolce. Rimestate spesso con un cucchiaio di legno, lasciate che raggiunga il bollore e continuate a cuocere -mescolando- ancora dieci minuti o comunque finché avrá assorbito tutta l’acqua.
Il miglio é cotto. Versatelo in un contenitore largo e basso, e distribuitelo su tutta la superficie del contenitore, affinché si raffreddi più in fretta. Se necessario spargete un filino d’olio extravergine d’oliva e mescolate velocemente qualche minuto affinché non formi pallozze e grumoni.
2. Intanto che il miglio si fredda un pochino, tagliate la zucca a cubetti, il porro a rondelline e sbucciate l’aglio. Soffriggete con poco olio d’oliva in una padella antiaderente per una decina di minuti, aggiustate di sale e pepe, spolverate con il coriandolo in polvere e mettete da parte.
3. È l’ora di formare le clementine. Lavate per bene le mani, e -a meno che siate mancini- formate, con la mano sinistra, una sorta di mestolino, chiudendo appena la mano come se l’aveste riempita d’acqua ad una sorgente e voleste trattenere l’acqua …
Con la mano destra, sistemate una manciata di miglio nella mano sinistra, pressate bene come se voleste “rivestire” l’interno della mano.
Avete appena creato una semisfera di miglio.

DSC08356.JPG

4. Sistemate all’interno della semisfera la quantitá di ripieno che gradite, e chiudete con una seconda manciata di miglio. Adesso aiutatevi con tutte e due le mani, pressando con tatto la vostra sfera tutt’intorno, stando attenti a non far sfuggire il ripieno.
5. Preparate una leggera pastella, mescolando con una frusta a mano, il cucchiaio di farina nell’acqua. Otterrete una pastella fluida, “sottile” e delicata.
Versate la farina di mais per polenta in una ciotolina.
6. Bagnate le clementine nella pastellina, passatele nella farina di mais per polenta e sistematele su un piatto. Coprite con della pellicola per alimenti e lasciate riposare qualche minuto in frigo.
7. Scaldate l’olio in una padella dai bordi piuttosto alti (in alternativa usate un pentolino, una wok o la friggitrice!). Ad olio ben caldo, sistemate le clementine una alla volta nell’olio e lasciatele dorare, rigirandole spesso con una schiumarola.
8. Le clementine sono pronte!

DSC08352

N.B. Se voleste prepararle in anticipo, al mattino per la cena o addirittura il giorno prima, non sará un problema. Basterá conservarle gia formate ed “impanate” in frigo in un contenitore a chiusura ermetica per proteggerle dall’umiditá, e -qualora dovessero comunque prendere un tantino d’umido- passarle brevemente nella farina di mais per polenta, che le “asciugherá” all’istante.
Non nella pastella, solo nella polenta.

DSC08325.JPG

Soundtrack: Let Me Love You, Jeff Beck

Buon Appetito e .. buon ascolto!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...