Ravioli al nero di seppia (gluten free)

Oggi vi propongo una robina abbastanza classica, ad onor del vero, ma con un ripieno d’eccezione e senza glutine. Si tratta di una preparazione senz’altro un po’ brigosa, ma vi assicuro che -per un’occasione speciale- ne vale davvero la pena.
La riuscita é garantita, l’effetto ottico -potete vederlo da voi- magnifico ed il sapore davvero speciale.
Quando leggerete Polpa di granchio, fra gli ingredienti, é molto probabile che sappiate giá che avete a disposizione diverse possibilitá:
La Polpa di Granchio fresca
Acquistate i granchi freschi, lavateli con acqua fredda per benino, sistemateli in un tegame abbastanza grande da contenerli per intero, copriteli con acqua fredda, coperchio e scottateli per 15 minuti circa (dal bollore!).
Risciacquateli con acqua fredda e procedete all’estrazione della polpa.
Sistemate il granchio a pancia in giù, sollevatene il guscio (o carapace) con la punta di un coltello ed eliminatelo. Sempre con lo stesso coltellino, separate le due metá dell’addome e pian piano estraetene la polpa. Con le chele sará un po’ più dura, ma fattibile.
Essendo molto dure, dovrete aiutarvi o con un coltello molto affilato per inciderle, o -se volete evitare di tagliarvi… cosa altamente probabile- con uno schiaccianoci.
Usatelo delicatamente per evitare di spappolare completamente il tutto e sciupare la polpa. Ad ogni modo, una volta incrinate e spaccate le chele, potrete procedere ad estrarne la polpa, se necessario, scavando con un cucchiaino da caffé.
– La Polpa di Granchio surgelata (che andrá scongelata)
– La Polpa di Granchio in scatola (scolata, proprio come si fa col tonno)

Per 4 persone:
300 gr di farina di grano (o mix senza glutine)
1 pizzico di sale
1 cucchiaio d’olio d’oliva
3 uova intere + 1 tuorlo (se usate la farina senza glutine 4 uova intere)
3 bustine da 4 gr ciascuna di nero di seppia liquido
la polpa di 2 granchi medi (200 gr circa)
2 cucchiai di mascarpone
buccia grattugiata di mezzo limone
sale q.b.
pepe q.b
60 gr di burro
1 ciuffo di basilico
1 ciuffo d’origano
1 cucchiaio di semi di senape

Preparazione 2 ore circa (30min. impasto + 30 min. riposo + 45 min. sfoglia e farcitura + 15 min. cottura)

1. Per prima cosa, preparate l’impasto per fare i ravioli.
Setacciate la farina su un piano o in una grossa ciotola, fate un buco al centro con la punta delle dita e versatevi le uova, un pizzico di sale ed un cucchiaio d’olio.
2. Aiutandovi con la forchetta, rompete prima le uova e proseguite facendo dei rapidi movimenti circolari per incorporare la farina un po’ alla volta.
3. Una volta incorporata tutta la farina, cominciate ad impastare con energia ed olio di gomito per amalgamare per bene tutti gli ingredienti e rendere l’impasto elastico ed omogeneo. Impastate per circa 7 minuti.
4. A questo punto allargate l’impasto ed aggiungegetevi il nero di seppia.
5. Impastate di buona lena per circa 15 minuti. Giratelo, rigiratelo, allungatelo, sbattetelo e reimpastatelo. Di tanto in tanto, allargate la pasta per esser sicuri che il nero abbia colorato uniformemente anche dentro.
6. A questo punto, fatene una bella palla, avvolgetela nella pellicola trasparente e lasciatela riposare mezz’oretta a temperatura ambiente.
7. In questo lasso di tempo, potrete dedicarvi al ripieno.
Versate la polpa di granchio (da granchio fresco/surgelata/sgocciolata dalla scatola) in una scodellina, salate, pepate, aggiungete il mascarpone, la scorza di limone ed un filino d’olio. Mescolate bene fino ad ottenere una consistenza morbida ma asciutta.
8. Adesso infarinate (con un velo di farina di grano o senza glutine!) un bel piano di lavoro e stendete la pasta, a piccole porzioni, fino ad ottenere una sfoglia dello spessore di circa 2,5-3 mm.
A voi la scelta se tirare la sfoglia con una macchinetta per la pasta (di quelle piccoline a manovella andranno benissimo!) o a mano (in questo caso, munitevi di pazienza e soprattutto di un mattarello abbastanza lungo da permettervi di tirare la sfoglia in modo uniforme, tutta allo stesso spessore!)
9. Una volta tirata la sfoglia ricavatene tanti fiorellini (o cerchietti o quel che vi pare) utilizzando dei piccoli coppapasta o -come me- delle formine per biscotti.
10. Sistemate esattamente al centro di metá dei fiorellini, una nocciolina di ripieno alla polpa di granchio. Coprite con la metá di fiorellini senza ripieno e pressate molto delicatamente sui bordi per sigillarli.
11. Sistemate su un piano sgombro un canovaccio pulito leggermente infarinato, ed adagiatevi i ravioli distanziati l’uno dall’altro in modo che non attacchino fra di loro.
Approfittate di questo momento per controllare i ravioli uno per uno, verificando che i bordi siano tutt’intorno ben sigillati.
12. Mettete adesso una pentola con acqua salata sul fuoco, portate a bollore e cuocete i ravioli per circa 5-6 minuti.
(Il tempo di cottura varierá ovviamente a seconda dello spessore della sfoglia.
In linea di massima lasciateli cuocere ancora 1-2 minuti dal momento che saranno saliti a galla!)
13. Nel frattempo, mettete una padella antiaderente sul fuoco, versatevi i semi di senape e tostateli 1-2 minuti. Aggiungetevi il burro e le erbette, ed appena il burro sará completamente sciolto versatevi i ravioli scolati (usate una schiumarola per scolarli, eviterete che si spezzino o si attacchino fra di loro).
Saltate un paio di minuti a fuoco vivace e servite subito.
14. Ehbeh, ce n’è voluto eh?!
Peró ne é valsa la pena.
Eccome se é valsa. 😉

Eccoli:

37004072_1910257679272837_6504357077891153920_n

Soundtrack: Double Fantasy, John Lennon & Yoko Ono

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...